Ultimo aggiornamento: 23/08/2021

Come scegliamo

12Prodotto analizzati

19Ore impiegate

3Studi valutati

77Commenti raccolti

Se sei un falegname professionista o se ti capita di essere un fan del movimento DIY, che consiste nel costruire e assemblare i propri oggetti, hai bisogno di strumenti che ti aiutino a fissare i pezzi di legno con cui stai lavorando. Oggi parleremo delle più comode: le viti per legno.

I falegnami hanno una vasta gamma di strumenti di fissaggio tra cui scegliere. Un esempio è la colla, anche se la colla a volte non è molto forte e la sua applicazione può essere disordinata. Le viti non hanno questi inconvenienti, in quanto sono facili da installare come da rimuovere e la loro forza è impareggiabile.

Anche se le viti per possono sembrare abbastanza semplici (e lo sono), ci sono alcuni dettagli e punti rilevanti che probabilmente non conoscevi. Per questo motivo abbiamo creato questa guida su di loro. Qui imparerai a distinguere i diversi tipi di viti per legno e i loro vari usi.




Sommario

  • Una vite per legno è una piccola parte metallica filettata e allungata il cui scopo è quello di unire pezzi di legno insieme o di fissare oggetti alla superficie di un componente in legno. Penetrano nella superficie e vengono spinti nel legno con la torsione.
  • Anche se spesso c’è un po’ di confusione su questo, le viti in quanto tali hanno estremità piatte, mentre quelle con estremità appuntite sono chiamate viti autofilettanti. Le viti richiedono fori preforati e rinforzi con dadi, mentre le viti autofilettanti non lo fanno.
  • Anche se l’aspetto dei diversi tipi di viti è molto simile, le loro prestazioni non lo sono. Per scegliere la vite giusta per il lavoro, è importante considerare la forma e la scanalatura della testa, la dimensione, l’attrezzo con cui verrà installata e il materiale di fabbricazione.

Viti per legno: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Le viti per legno sono ovunque. Sono così comuni e onnipresenti che a volte è difficile sapere da dove vengono e che livello di qualità hanno. In questa classifica elenchiamo alcuni dei set di viti per legno più affidabili e di alta qualità che ti permettono di costruire in tutta tranquillità.

Guida all’acquisto

Sei pronto a costruire pezzi sorprendenti e utili con il legno? Non aspettare oltre! In questa sezione esaminiamo i fattori caratteristici delle viti per legno, in modo che tu possa iniziare il prima possibile. Qui imparerai come identificare ogni tipo di vite e come scegliere quella più adatta a te.

Il trapano è uno strumento che facilita l’inserimento delle viti nel legno (Foto: photosforyou / pixabay.com)

Cos’è una vite per legno e quali sono i suoi vantaggi?

Una vite per legno è un piccolo pezzo di metallo allungato che penetra nei componenti in legno allo scopo di unirli o fissare oggetti alla loro superficie. Forniscono un livello più alto di forza di tenuta rispetto ad altri metodi di fissaggio come la colla, e rimuoverli è quasi facile come installarli.

Questi strumenti sono disponibili in una varietà di dimensioni, forme e materiali. A differenza dei chiodi, che sono lisci e vengono installati con i colpi di un martello, le viti hanno corpi filettati e vengono spinti nel legno dalla coppia fornita da un cacciavite o un trapano.

Vantaggi
  • Alto livello di fissaggio
  • Universalmente disponibile
  • Molto accessibile
Svantaggi
  • Si perde facilmente
  • Può causare lesioni
  • In alcuni casi, richiede dadi

Viti standard e autofilettanti – a cosa dovresti prestare attenzione?

Molte persone credono che la vite abbia sempre una punta affilata. Tuttavia, questa concezione è in qualche modo errata. Tecnicamente, le viti hanno una punta piatta, mentre le viti con una punta appuntita sono chiamate viti a scomparsa. Ci sono alcune piccole differenze tra i due:

Vite standard: la sua punta è piatta. Le sporgenze o gli incavi del cilindro sono più compatti di quelli di una vite di ritardo. Di solito è leggermente più spesso e richiede un foro preforato per essere installato, dato che non è in grado di penetrare nel materiale da solo.

Poiché passa attraverso la superficie del legno, deve essere fissato con un dado dall’altra parte, il che aumenta la forza di serraggio. Per questo motivo, è ideale per unire pezzi di grandi dimensioni con un peso considerevole, così come nei casi in cui i pezzi hanno già dei fori.

Vite autofilettante: Conosciuta anche come vite lag. Ha una punta affilata in grado di penetrare nel legno da sola, permettendo alla vite di avanzare mentre viene girata. Pertanto, non richiede un foro preforato.

Non richiedono un dado e tutta la forza di serraggio proviene dalla vite stessa. Sono adatti a situazioni in cui i requisiti di carico e di serraggio sono inferiori, così come in circostanze in cui non è disponibile un trapano o un altro dispositivo di foratura.

Vite standard Vite autofilettante
Punta Plana Affilato
Richiede un foro preforato Si No
Si fissa sul lato opposto con un dado Si No
Adatto per parti grandi e pesanti Si No

Criteri di acquisto: fattori che ti permettono di confrontare e valutare diversi modelli di viti per legno

Anche se sono piccole e possono sembrare molto simili tra loro, non tutte le viti sono uguali e i risultati che si possono ottenere con ogni tipo variano notevolmente. I seguenti quattro fattori di acquisto ti aiutano a capire cosa devi considerare quando scegli la vite ideale.

Testa

Questo fattore è diviso in due parti. Il primo è la forma della testa, che riguarda il fissaggio e la finitura del prodotto finale. Il secondo è il tipo di fessura che hanno, che determina il tipo di strumento che dovresti usare per stringere la vite. Analizziamo prima la forma della testa e poi la scanalatura:

Testa piatta: Le viti con questo tipo di testa sono le più raccomandate per la carpenteria. Essendo sottile e con una superficie uniforme, la testa piatta è a filo con il legno quando la vite è inserita fino in fondo, il che è desiderabile se il risultato desiderato è una superficie liscia senza sporgenze.

Testa tonda: se il pezzo di legno che stai lavorando è troppo sottile, e per questo o per qualche altra ragione hai bisogno di usare delle rondelle, una vite a testa tonda è la soluzione. Questo tipo di testa, a differenza della testa piatta, sporge dalla superficie del materiale quando la vite è inserita fino in fondo.

Nome della fessura Forma della fessura Strumento adatto al serraggio
Fessura singola Fessura singola a croce Cacciavite singolo
Phillips Croce Cacciavite a croce
Torx Star Torx / cacciavite a stella
Allen Hexagonal chiave a brugola

Dimensione

Come regola generale, la lunghezza della vite che scegli dipenderà dalla lunghezza della vite che usi, la lunghezza della vite che scegli non dovrebbe essere inferiore alla metà dello spessore del materiale in cui viene inserita. Nel caso delle sole viti standard a testa piatta, la lunghezza dovrebbe essere di almeno due centimetri in più per permettere l’installazione del dado.

Inoltre, il calibro della vite dovrebbe essere preso in considerazione. Maggiore è la forza di serraggio richiesta (o il peso, se no), maggiore deve essere la dimensione del bullone. La dimensione è rappresentata da un numero intero. Ogni dimensione rappresenta un diametro, che è solitamente misurato in pollici (“). Alcuni dei calibri più comuni sono:

Gauge Diametro (frazione) Diametro (decimale)
#3 7/64 “ .099″
#4 7/64 “ .112″
#5 1/8 “ .125″
#6 9/64 “ .139″
#7 5/32 “ .151″
#8 5/32 “ .165″

Strumento di installazione

Le viti sono inserite nel materiale applicando una coppia ad esse. Questa forza può essere applicata manualmente utilizzando un cacciavite (o uno strumento simile, come una chiave a brugola, a seconda del tipo di fessura della testa) o con l’aiuto di un trapano. Entrambi sono efficienti, ma variano nella facilità e nelle condizioni operative.

Drill: Richiede una fonte di alimentazione. La maggior parte ha un cavo di alimentazione, anche se alcuni includono batterie ricaricabili. Deve essere utilizzato con cautela, poiché un uso incauto può causare gravi lesioni. Per inserire una vite usando un trapano, è necessaria una punta il cui calibro sia compatibile con quello della vite.

L’uso di un trapano è essenziale quando si lavora con viti standard a testa piatta (non autofilettanti), a meno che la superficie non abbia già dei fori. Questo perché il trapano è l’unico strumento con cui il materiale può essere forato per permettere alla vite di passare attraverso (ricorda che la vite standard non ha una punta affilata).

Cacciavite: consiste in una sezione metallica allungata la cui punta è inserita nella fessura della testa della vite e un manico ergonomico che permette di ruotare l’utensile. Anche se può essere usato con qualsiasi vite e qualsiasi tipo di legno, non è raccomandato per viti lunghe o legno molto rigido perché causa l’affaticamento della mano.

È importante che la punta del cacciavite che scegli coincida con la fessura nella testa della vite. In caso contrario, non sarai in grado di applicare la coppia, o potresti far saltare la vite. Raccomandiamo di evitare quelle con manici completamente rigidi (plastica o metallo, per esempio) perché possono far stancare la tua mano più velocemente.

Scegli il tipo di vite per legno che più ti si addice (Foto: Alexas_Fotos / pixabay.com)

Materiale

Le viti per legno dovrebbero essere sempre in metallo. La plastica non è abbastanza rigida o forte. Ti suggeriamo che la tua prima scelta dovrebbe essere sempre quella di viti in acciaio inossidabile, poiché sono forti, durevoli e adatte all’uso esterno. Anche le viti nichelate e zincate sono buone opzioni.

Alcune persone spesso optano per viti in acciaio o in leghe che includono metalli molto forti come il titanio. Mentre non c’è nulla che ti impedisca di lavorare con queste viti, possono essere eccessivi quando si lavora con il legno, dato che il legno non è un materiale molto rigido.

(Foto dell’immagine in evidenza: Alexas_Fotos / pixabay.com)

Recensioni