Ultimo aggiornamento: 19/08/2021

Come scegliamo

13Prodotto analizzati

22Ore impiegate

6Studi valutati

58Commenti raccolti

A chi non piace il riso? Questo cereale è uno degli alimenti più consumati al mondo grazie al suo gusto piacevole e alla versatilità gastronomica che offre, dato che può essere utilizzato per preparare un numero infinito di piatti salati e dolci. Hai provato tutte le sue varianti? Controlla!

Il riso è il secondo cereale più coltivato del pianeta dopo il mais. Paesi come la Cina, il Giappone, l’India e altre potenze asiatiche raccolgono questo chicco da migliaia di anni, non solo per il loro consumo personale, ma anche come prodotto centrale della loro economia.

In questo articolo ti parleremo delle caratteristiche più importanti del riso, in modo che tu possa conoscere le sue caratteristiche principali e scegliere la variante che più ti piace tra le numerose opzioni di sapori, consistenze, aromi, forme e colori che questo alimento offre. Non perdertelo!




Sommario

  • Il riso è il secondo cereale più consumato al mondo (dopo il mais) grazie al suo gusto squisito e alla sua versatilità culinaria. Ci sono innumerevoli varianti di questo alimento utilizzate per preparare vari piatti salati, così come deliziosi dessert.
  • Tra le molte varietà di questo riso, spiccano il tradizionale riso bianco, il riso integrale e il riso selvatico. Queste varietà differiscono l’una dall’altra per i loro sapori, aromi, colori, proprietà nutrizionali, consistenza, tempo di cottura, ecc.
  • Quando acquisti il riso, è importante che tu prenda in considerazione alcuni fattori rilevanti, come le diverse varietà, le dimensioni e le forme dei chicchi, i colori e gli aromi, tra gli altri aspetti determinanti al momento dell’acquisto.

Riso: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Guida all’acquisto: cosa dovresti sapere sul riso

In questa guida all’acquisto troverai informazioni utili e rilevanti sul prodotto che sei interessato ad acquistare. Pertanto, ti parleremo delle principali peculiarità del riso, compresi i suoi vantaggi e quegli aspetti di questo popolare alimento che non sono così favorevoli o positivi.

Gli orientali incorporano il riso nei loro pasti quotidianamente, poiché lo considerano un alimento base e fondamentale nella loro dieta. (Foto: Wang Tom / 123rf.com)

Cos’è il riso e quali sono i suoi vantaggi?

Il riso è uno dei cereali più consumati al mondo grazie alle sue molteplici proprietà nutrizionali e alla sua versatilità culinaria. Sul mercato puoi trovare numerose varietà di questo cereale adatte a decine di piatti, sia salati che dolci.

Il riso è un alimento molto facile e veloce da cucinare e di solito non è costoso

Il riso è anche un alimento molto facile e veloce da cucinare e di solito non è costoso (tranne le varianti gourmet), il che lo rende un’alternativa pratica, semplice ed economica per un cibo gustoso e sano. Ha anche vitamine, minerali e fibre che sono essenziali per il corretto funzionamento del corpo.

Il riso ha sempre un gusto piacevole per la maggior parte dei palati

Tra i suoi molti benefici, il riso è un prodotto dal sapore molto piacevole praticamente per tutti i palati. D’altra parte, può essere combinato con un numero infinito di ingredienti, quindi troverai sempre un’opzione deliziosa per preparare qualsiasi sua varietà.

Vantaggi
  • Ci sono numerose varietà
  • Ha vitamine, minerali e fibre
  • Il suo sapore è molto piacevole
  • Si adatta a molti piatti
  • Si combina con un gran numero di ingredienti
  • È facile e veloce da cucinare
Svantaggi
  • Il riso bianco ha un”alta percentuale di carboidrati e calorie
  • Il riso bianco ha anche alte quantità di amido e glucosio

Riso bianco, riso integrale o riso selvatico – A cosa dovresti fare attenzione?

Ci sono molte varietà diverse di riso sul mercato, tra cui il riso bianco, il riso integrale e il riso selvatico. Qui di seguito, dettaglieremo le caratteristiche principali di ognuno di essi in modo che tu possa scegliere la variante che meglio si adatta ai tuoi gusti e usi gastronomici.

Riso bianco. Il riso bianco, che è la variante più comune e ampiamente consumata di questo cereale, è disponibile in diverse dimensioni di chicchi (corti, medi o lunghi) e può essere combinato con un numero infinito di piatti, come zuppe, risotti, insalate, stufati, ecc. o dessert dolci come il budino di riso.

Riso integrale. Questo è un riso a cui è stata rimossa la lolla esterna non commestibile e lo strato di crusca che lo circonda è stato conservato, rendendolo più scuro e richiedendo una maggiore cottura. Questa variante ha più valore nutrizionale, fibre, vitamine e proteine del riso bianco.

Riso selvatico. A differenza delle altre varianti, il riso selvatico proviene dal seme di una pianta acquatica chiamata avena d’acqua. Questo tipo di riso, di colore marrone scuro e dal sapore intenso (simile alla noce o alla nocciola), ha un basso contenuto di grassi e richiede un tempo di cottura considerevole (circa 40 minuti).

White Wholemeal Wild
Proprietà principali Vitamina D, niacina, tiamina, riboflavina, calcio, ferro, etc. Alto contenuto di fibre e proteine vegetalihxx Fornisce fibre e minerali. Basso contenuto di grassi Vitamine del complesso B e minerali come ferro, calcio, potassio, zinco, tra gli altri.
Colorazione Bianco Giallastro, marrone brunastro Marrone scuro verdastro
Tempo di confronto comparativo Tra 10 e 20 minuti, circa Tra 20 e 25 minuti, circa 40 minuti, circa
Varianti simili Riso glutinoso, bomba, bahia, carnaroli, arborio, ecc. Yamaní Riso nero (venere)
Texture Principalmente morbida Harder Harder

A quali trattamenti industriali è sottoposto il riso?

Il riso è sottoposto a trattamenti industriali che ne influenzano le proprietà nutrizionali e la consistenza. Di seguito menzioneremo i due processi più comuni in modo che tu possa conoscere le loro caratteristiche e scegliere la variante più adatta a te, a seconda delle tue preferenze alimentari.

Riso parboiled. La crusca è stata rimossa dal riso al vapore cuocendolo leggermente in acqua. Questa variante, che puoi trovare nel riso yamaní, rosso, selvatico, venere (o nero), tra gli altri, ha più proprietà nutrizionali degli altri tipi e non si rompe dopo la cottura.

Riso precotto. Come suggerisce il nome, il riso precotto è precotto per ridurre il tempo di cottura a casa. Pertanto, e a differenza delle varianti menzionate nel paragrafo precedente che richiedono non meno di 25 minuti di cottura, questo tipo di riso può essere pronto in 10 minuti (anche se è meno nutriente).

Quanto costa il riso?

I prezzi del riso dipendono principalmente dalle diverse varietà di questo cereale, così come dalle loro dimensioni e marche. Di seguito, ti diremo i valori approssimativi di questo prodotto in modo che tu possa avere un riferimento stimato dei costi commerciali.

Sul mercato puoi trovare riso da 20 MXN a 500 MXN, e anche più di 1.000 MXN, a seconda delle caratteristiche menzionate nel paragrafo precedente. Tuttavia, puoi anche trovare varianti di riso di ottima qualità e gusto tra i 100 MXN e i 200 MXN, circa.

Criteri di acquisto

In quest’ultima sezione dell’articolo parleremo dei criteri di acquisto che dovresti prendere in considerazione quando acquisti il riso, dato che esiste un’immensa varietà e assortimento di questo prodotto, quindi dovrai conoscere le caratteristiche di ogni variante.

Tipi

Oltre a quelli menzionati nella tabella comparativa, esistono molti altri tipi di riso, con caratteristiche che ne determinano l’aspetto, la consistenza, le proprietà e i tipi di utilizzo, tra le altre particolarità. Qui menzioneremo alcune varianti in modo che tu possa tenerne conto al momento dell’acquisto.

Riso glutinoso. Chiamato anche riso dolce o appiccicoso, è una variante del riso bianco che richiede poca acqua e viene utilizzato per preparare vari dessert. Se non riesci a trovare questa varietà, puoi sostituirla con riso tradizionale a chicco corto o medio, che dovrai lasciare cuocere più a lungo.

riso Yamani. Si tratta di una variante del riso integrale, ma molto più nutriente, poiché questo riso non è sottoposto a grandi processi industriali (a differenza di alcuni tipi di riso integrale). Ti consigliamo di non condirlo troppo, per non mascherare il suo delizioso sapore naturale.

Altre varietà

Ci sono anche altre varietà di riso meno conosciute (almeno in Occidente) che sono estremamente deliziose e adattabili a diversi piatti. Di seguito, ne descriveremo alcuni in modo che tu possa conoscere le loro principali caratteristiche e peculiarità.

Riso Bomba. Questo tipo di riso è molto più costoso, poiché è considerato un prodotto gourmet. Si caratterizza per la sua facilità di cottura, in quanto non è facile da cuocere troppo ed è pronto in soli 10 minuti. Puoi includerlo in molti piatti, ma è particolarmente delizioso nelle paelle.

Arroz arborio. Questo è uno dei risi più comunemente usati per fare il sushi, perché il suo chicco rimane compatto dopo la cottura senza diventare troppo morbido, quindi puoi maneggiarlo facilmente. È un’ottima opzione se vuoi sostituire la variante glutinosa nella preparazione del budino di riso.

riso Carnaroli. Come il riso bomba, il carnaroli è un’ottima variante per fare il risotto, poiché è soffice all’esterno mentre il suo chicco è al dente; eccelle anche nell’assorbire i sapori degli altri ingredienti. Tuttavia, anche questa variante può essere costosa.

Grazie alla sua versatilità, il riso viene utilizzato per preparare molti piatti dolci e salati. (Foto: Sergii Koval / 123rf.com)

Varianti secondo il colore

Anche se il riso più comune e più usato è quello bianco, ci sono anche altre varianti di colore che influenzano non solo l’aspetto, ma anche la consistenza, il sapore, la cottura e gli usi, tra gli altri aspetti. Qui descriveremo le particolarità di alcuni di essi.

Riso rosso. La crusca che circonda il chicco di riso rosso ha questo colore (da cui il nome). Questa variante ha un sapore speciale e intenso, ma tieni presente che richiede una preparazione maggiore rispetto alle varianti classiche, poiché deve essere lasciato in ammollo per alcune ore prima della cottura e poi bollito per 30-50 minuti.

Riso nero. Meglio conosciuto come riso venere, il riso nero diventa viola quando viene cotto. Questa varietà esotica, originaria della Cina, è considerata una delle più squisite, poiché ha un aroma e un sapore di nocciola. Puoi prepararli in insalata con pochi ingredienti, per approfittare del loro delizioso sapore.

Varietà aromatiche

Ogni varietà di riso ha un aroma specifico che gli conferisce intensità e personalità, ma ci sono varianti specifiche che si caratterizzano per essere estremamente aromatiche. Eccone due in modo che tu possa conoscere i loro particolari profumi.

Riso Basmati. Oltre ad essere molto aromatico, il riso basmati è ricco di fibre, vitamine, minerali e carboidrati e può essere trovato in colori bianchi o più scuri. Poiché il suo chicco è molto sciolto, è preferibile utilizzarlo nelle insalate e non tanto nelle paella, negli stufati, nei dolci, ecc.

Thai o riso gelsomino. Questo riso di origine tailandese è estremamente aromatico e delicato. I suoi lunghi chicchi lo rendono ideale per le insalate e le fritture, rendendolo una variante perfetta per preparare i classici e caratteristici piatti orientali di riso fritto (delizioso!).

Il riso può essere classificato in base al suo sapore, consistenza, aroma, colore e forma dei chicchi, che determinano il suo tipo di utilizzo gastronomico. (Foto: ffphoto / 123rf.com)

Forma del chicco

Ci sono diverse dimensioni o formati di chicchi di riso che influenzano non solo il loro aspetto ma anche il tempo di cottura e gli usi. Si distinguono per la loro varietà botanica o origine: i chicchi lunghi, sodi e fini sono indica e quelli più grossi e corti sono japonica. Qui te li presentiamo:

Grani lunghi. Questi grani sono più sodi e rimangono sciolti dopo la cottura, ecco perché vengono utilizzati più per le insalate che per i piatti brodosi e compatti. Tra queste varianti troverai riso basmati, thai o gelsomino, riso integrale, yamani, riso selvatico, ecc.

Grani medi. I chicchi medi di riso, compresi il carnaroli e la bomba, tendono ad essere più morbidi e un po’ appiccicosi dopo la cottura, il che li rende ideali per la paella, gli stufati, le casseruole e il budino di riso, tra gli altri piatti deliziosi.

Grani corti. Il riso a chicco corto si attacca facilmente, dandogli una consistenza compatta. Queste varianti, tra cui spicca l’arborio, saranno eccellenti se vuoi preparare il sushi, così come i risotti o vari dessert.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Tatiana Baibakova / 123rf.com )

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni