Ultimo aggiornamento: 19/08/2021

Come scegliamo

11Prodotto analizzati

17Ore impiegate

4Studi valutati

79Commenti raccolti

Contare sulla tua presenza ci stimola a livello elettrico, ancora di più quando l’argomento che affronteremo oggi ha tutto a che fare con esso: i multimetri.

Quando lavori con l’elettronica, o ce l’hai come hobby, sicuramente hai già avuto bisogno di eseguire qualche test o hai immaginato la possibilità di misurare la potenza di qualche circuito o cablaggio. Un multimetro ti aiuterà molto in questo.

Ora che abbiamo alimentato un po’ la tua curiosità, sappi che i multimetri sono utilizzati per misurare alcune quantità elettriche, quando sono esposti. Continua a leggere per conoscere modelli, caratteristiche, tipi e funzioni!




Sommario

  • Si tratta di un’apparecchiatura in grado di eseguire diverse misurazioni in campo elettrico – tensione, corrente, resistenza – un vero e proprio jolly per vari usi (purché entro le sue specifiche).
  • Anche se tutti i dispositivi sono multimetri, alcune specifiche limitano o permettono il loro utilizzo in modo diverso a seconda della fonte di alimentazione che intendi misurare. Parliamo ancora di questo.
  • Qualsiasi attrezzatura il cui uso è collegato all’elettricità è in pericolo di vita, in misura maggiore o minore. Leggi attentamente le istruzioni per l’uso e assicurati dell’integrità del dispositivo prima di effettuare qualsiasi misurazione.

Multimetro: La nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Se hai a che fare con l’elettronica, o hai intenzione di farlo, sappi che il multimetro è uno strumento di misurazione essenziale per il tuo utilizzo. È lo strumento diagnostico più efficace per le tue aree di misurazione. Controlla qui sotto alcuni dei migliori sul mercato:

Guida all’acquisto

Un multimetro ha molte specifiche che dovrebbero essere osservate prima della scelta finale. Poiché si tratta di un dispositivo di misurazione elettrica, la sicurezza dovrebbe sempre venire al primo posto.

In questa guida, porteremo tutti i dettagli che hai bisogno di sapere per acquistare il miglior dispositivo ed essere sicuro mentre lo usi.

Homem usando um multímetro, segurando o aparelho com luvas de proteção.

Un multimetro può misurare la differenza di potenziale in corrente continua e alternata, tra gli altri. (Fonte: Monika Wisniewska / 123RF)

Cos’è un multimetro?

Come ti abbiamo già presentato, un multimetro viene utilizzato per misurare quantità elettriche. Le sue caratteristiche possono variare molto a seconda del modello e dell’uso, ma in generale, fornirà informazioni sulla differenza di potenziale in corrente continua (DC) e anche in corrente alternata (AC).

Inoltre, puoi vedere dati come la corrente elettrica, la resistenza e il controllo di continuità, cioè se c’è passaggio di carica attraverso un certo circuito de-energizzato.

Queste diverse opzioni di misurazione sono effettuate per mezzo di un tasto rotante sulla parte anteriore del dispositivo, abbastanza evidente, che permette un rapido accesso alle sue funzioni e al suo utilizzo.

Foto em close de uma mão utilizando um multímetro vermelho.

Con diverse opzioni di misurazione, in facile accesso, il multimetro è uno strumento estremamente pratico. (Fonte: Maverik_sl / Pixabay)

Multimetro analogico o digitale?

Prima di procedere, lasciami chiarire che ci sono due tipi principali di amperometro: analogico o digitale. Il principale è nella sua visualizzazione o come viene presentata la misurazione

  • Analogico: La misurazione viene eseguita da un quadrante a lancetta, stimolato dalla corrente ricevuta. È più adatto in situazioni in cui la quantità da misurare ha variazioni di tensione, permettendo di controllare facilmente l’ampiezza.
  • Digitale: Converte la corrente elettrica in informazioni digitali, mostrando il valore come un numero su uno schermo LCD. Grazie al display, è più pratico di quello analogico ed è più adatto a grandezze con poca variazione.

Con caratteristiche molto simili nella composizione e nell’uso del dispositivo, le misurazioni di entrambi sono affidabili e accurate, e sta a te identificare quello che meglio soddisfa le tue esigenze. Per renderti più comodo, ecco una tabella comparativa:

Analog Digitale
Vantaggio Precisione istantanea del dispositivo Maggiore praticità nel visualizzare il risultato della misurazione
Modalità di visualizzazione Utilizza la punta magnetica come display Converte la frequenza elettrica in segnale digitale, informando sul display LCD i numeri
Utilizzo Ideale per controllare le variazioni di una grandeza Ideale per misurare gradi fissi

Hai notato che le differenze sono poche? Sul mercato si trovano entrambe le opzioni sia per i dilettanti che per i professionisti del settore, e ognuno finisce per essere guidato da qualche preferenza.

Tuttavia, ora non hai bisogno di preoccuparti dell’analogico o del digitale. Vediamo altri dettagli di questo strumento di misurazione elettrica.

Quali sono le funzioni del multimetro?

Avendo diverse capacità, consideriamo molto importante che tu venga introdotto alle sue caratteristiche principali e a come funzionano. Inoltre, ovviamente, riceverai una guida su come utilizzarlo

  • Misura la resistenza (Ohmmetro): imposta sempre il selettore del multimetro sulla resistenza più alta disponibile e cambia in base alla precisione che vuoi.
  • Misurare la differenza di potenziale in DC e in AC: Sappi, in anticipo, se stai per misurare un tipo di DC o AC. Per precauzione, inizia sempre la misurazione selezionando l’opzione del valore più alto sul tasto del multimetro. Non diminuire oltre il limite di tensione perché causerà danni al dispositivo e a te.
  • Misurare la corrente elettrica (amperometro): imposta sempre il misuratore alla selezione più alta possibile e diminuisci man mano che desideri la precisione del misuratore. Fai attenzione a misurare in un sistema in serie, misurare in parallelo potrebbe causare un’esplosione.

Criteri di acquisto: Fattori per confrontare i modelli di multimetro

Forse il tuo stress è già alto per i dettagli, ma andiamo al sodo. Quando si utilizza qualsiasi apparecchiatura nei circuiti e nelle reti elettriche, è necessario prendere tutte le precauzioni.

Ora che conosci alcuni dei punti principali per la scelta di un multimetro (analogico o digitale, come eseguire le misurazioni principali, cos’è la categoria), concentriamoci sul chiarimento di alcuni dettagli.

Quando acquisti il tuo multimetro, è importante definire, prima di tutto, il suo utilizzo e poi prestare attenzione

  • Categoria
  • Usa la tensione
  • Tipi di misurazione
  • Presenza Vero RMS

Di seguito, dettaglieremo ognuno degli argomenti, portandoti informazioni differenziate, in grado di aiutarti a fare la scelta migliore quando acquisti il prodotto.

Categoria

Nonostante sia un’attrezzatura molto completa e di provata sicurezza, i multimetri non sono soli in questo viaggio di test elettrici, altri dispositivi arrivano con forza nel tentativo di sopraffare questi combattenti.

Avendo più familiarità con queste apparecchiature per le grandezze elettriche, parliamo di una condizione essenziale per il loro acquisto: le categorie.

Imagem em close de um multímetro, com ênfase para o canto inferior direito, onde se observa a inscrição CAT III.

Conoscere la categoria di un multimetro è la condizione più importante per l’acquisto. (Fonte: 4volvos / Pixabay)

Anche una semplice misurazione della tensione può causare un’esposizione indesiderata a scariche elettriche, questo a causa del sovraccarico.

Un sistema ha la possibilità di permettere in alcune circostanze il brusco aumento del livello di tensione. Non avere un’attrezzatura adatta a questa possibilità può portare seri rischi.

La capacità del multimetro di resistere a questi carichi di picco è ciò che costituisce la sua categoria. Questi picchi di corrente sono comunemente chiamati sovraccarichi o transitori. Per questo motivo, i multimetri devono essere preparati a ricevere una tensione superiore alla loro capacità di misurazione.

In tutto, ci sono 4 categorie di multimetri, determinate in base alla loro capacità di resistere ai picchi di sovraccarico

  • Categoria I – Hanno la più bassa protezione contro l’esposizione dell’utente, fatte per l’uso in circuiti a bassa tensione come televisori, radio, circuiti di elettrodomestici.
  • Categoria II – Utilizzata per misurazioni su elettrodomestici ed elettronica con basso e medio consumo energetico.
  • Categoria III – Con una gamma di utilizzo più ampia, può essere applicata in ambienti residenziali e commerciali, illuminazione e circuiti di distribuzione. Anche se sono più sicuri, non possono essere utilizzati in luoghi di categoria IV.
  • Categoria IV – I campioni dei multimetri nel livello di protezione, possono essere utilizzati in sistemi di distribuzione di energia, pannelli di distribuzione, installazioni sotterranee e all’aperto.

Ora che conosci le categorie, che ne dici di visualizzare quanto lontano possono arrivare questi sovraccarichi in termini di tensione?

Categoria Massimo picco transitorio
I Transiente tra 2,5 e 4.000 V di picco
II Transiente tra 4 e 6.000 V di picco
III Transiente tra 6 e 8.000 V di picco
IV Transiente tra 8 e 12.000 V di picco

Tensione d’uso

I multimetri hanno dei limiti d’uso che devono essere osservati, per evitare incidenti dovuti ad un uso improprio.

Si raccomanda che prima di iniziare a scegliere, tu possa identificare dove hai intenzione di usarlo e qual è la tensione massima che troverai in quel luogo, aiutando così a definire la scelta.

Quando cerchi, guarda insieme alla categoria, a quali tensioni l’attrezzatura è capace di lavorare in sicurezza. Un valore generale è fino a 1000V, anche se molti dispositivi lavorano solo fino a 600V.

Foto com posição central identificando um emaranhado de fios e interruptores, sendo um dos locais para uso do multímetro.

Prendersi cura del cablaggio elettrico all’interno di aziende e case è uno degli usi principali del multimetro. (Fonte: Pexels / Pixabay)

Tipi di misurazione

Anche se il multimetro è considerato uno strumento per misurare la corrente, molti di essi sono in grado di fornire la misurazione di altre grandezze elettriche, a seconda del loro modello e delle loro caratteristiche.

Misura della temperatura, frequenza, test dei diodi e continuità sono alcune delle caratteristiche extra disponibili.

Quindi, pensa attentamente a quali misurazioni vuoi fare e confronta i dispositivi. Identifica se sono adatti alle tue esigenze, o anche il prezzo del prodotto rispetto ad altri con una gamma più ampia di usi.

Queste caratteristiche extra possono rendere il pezzo più costoso, quindi, per non pagare di più per qualcosa che non verrà utilizzato, analizza se l’investimento è necessario.

True RMS

Qui entriamo in un argomento più specifico per i professionisti dell’elettricità, o gli studenti del settore.

Nella maggior parte dei misuratori di tensione e corrente, i loro dati sono accurati quando l’energia viene emessa attraverso onde sinusoidali, con alti e bassi in grado di permettere un’analisi media.

Pertanto, in un’onda sinusoidale, il rapporto del valore RMS è diretto con il picco dell’onda, rendendo facile per qualsiasi dispositivo stabilire la sua misurazione. Tuttavia, quando il dispositivo è sottoposto all’analisi di onde non sinusoidali, finisce per fornire valori di misurazione errati a causa dell’oscillazione casuale dell’onda.

Un multimetro con funzione True RMS non effettua la misurazione solo dei picchi delle onde, ma una marcatura lungo tutta l’ampiezza di essa per quell’istante di misurazione.

In questo modo, il valore riportato sarà molto più preciso, oltre a funzionare per qualsiasi tipo di onda, sia sinusoidale che non.

(Fonte dell’immagine in primo piano: kritsadaj / Pixabay)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni