Ultimo aggiornamento: 29/09/2021

Sei in procinto di costruire la tua nuova casa o vuoi rinnovare la facciata della tua casa esistente? Allora prima o poi dovrai affrontare l’argomento dell’intonaco isolante esterno e della sua applicazione.

In questo articolo spieghiamo cos’è l’intonaco isolante, quali sono i suoi vantaggi e svantaggi e approfondiamo questioni più specifiche sul suo utilizzo. In questo modo, sarai in grado di prendere una decisione informata per conto tuo.




Sommario

  • A causa dei blocchi di muratura sempre più leggeri, lo sviluppo di tipi di intonaco almeno altrettanto leggeri divenne indispensabile. Perché se l’intonaco è più pesante del suo substrato, possono verificarsi delle crepe antiestetiche.
  • L’intonaco isolante è un sottosmalto termoisolante che può proteggere la tua facciata dall’umidità e quindi prevenire la formazione di muffa. Inoltre, il calore può raggiungere l’interno della casa solo ad un livello molto basso.
  • Per l’applicazione sotto intonaco, dovresti contattare un professionista e investire attivamente. Un’applicazione errata può causare più costi e danni di un lavoro professionale fatto in anticipo.

Intonaco isolante per esterni: quello che dovresti sapere

Di seguito abbiamo riassunto le domande più importanti sull’argomento dell’intonaco isolante per esterni e abbiamo risposto in modo strutturale per fornirti la migliore competenza possibile.

Cos’è l’intonaco isolante?

L’intonaco isolante è anche conosciuto come intonaco termoisolante ed è un materiale da costruzione poroso con un alto contenuto di vuoti d’aria che può raggiungere una funzione isolante sulle facciate delle case grazie alla bassa conducibilità termica risultante. Questo strato di base può fornire una protezione duratura contro l’umidità, compensare le sollecitazioni e formare una base sicura per l’intonaco di finitura.

Nella seguente tabella abbiamo confrontato le diverse categorie di intonaco:

Tipo Densità apparente secca in kg/m³ Conduttività termica in λ [=W/mK]
Intonaco normale 1300 ≤ x ≤ 1800 0.4 x 0.9
Intonaco chiaro 600 x ≤ 1300 0,5
Intonaco termoisolante 250-500 0.2
WDP con supplemento EPS 600 0,07
WDP con aerogel 200-350 0,028 x 0,2
WDP con supplemento minerale 300 0,07

Gli intonaci termoisolanti sono generalmente realizzati a base di cemento o calce e raggiungono la loro elevata porosità attraverso speciali aggregati leggeri. Nella maggior parte dei casi, l’aggregato EPS viene aggiunto alla malta perché l’alto contenuto di vuoti d’aria del 98% con l’EPS (“Styrofoam”) gli permette di raggiungere una densità apparente particolarmente bassa.

Più bassa è la densità apparente secca e di conseguenza più alta è la porosità, più bassa è la conduttività termica.

Secondo la norma DIN EN 998-1, la conducibilità termica definita della malta di gesso termoisolante è un massimo di 0,2λ. L’intonaco con l’additivo aerogel, tuttavia, può raggiungere valori fino a 0,028λ, e quindi supera anche i pannelli isolanti in lana minerale, che vengono utilizzati principalmente in interni.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dell’intonaco isolante esterno?

Prima di prendere una decisione, devi familiarizzare con i vantaggi e gli svantaggi dell’intonaco termoisolante. Possiamo aiutarti e offrirti la seguente lista come prima guida:

Vantaggi
  • Restauro a dispetto degli edifici elencati
  • applicazione veloce
  • valore della proprietà aumentato
  • regola l”umidità
Svantaggi
  • applicazione che richiede tempo
  • possibile instabilità (relativa brevità)
  • spessore dell”intonaco max. 10-15 cm

Grazie alla sua regolazione dell’umidità e alla bassa conducibilità termica, l’intonaco isolante può aiutare a creare un piacevole clima interno. Oltre al rapido tempo di applicazione, puoi anche aumentare il valore della tua proprietà e ottenere un maggiore comfort abitativo.

Tuttavia, l’applicazione è abbastanza complessa e richiede il contatto di uno specialista. La possibile instabilità può influenzare la vita della facciata della tua casa e il limite superiore del possibile spessore dell’intonaco regola l’effetto isolante. Tuttavia, con l’aiuto di pannelli isolanti aggiuntivi, questo possibile deficit può essere compensato.

Quando ha senso isolare dall’esterno?

L’opposizione all’isolamento esterno è stata espressa più volte. Alcuni sostengono che sia troppo costoso o addirittura malsano, mentre altri mettono in dubbio il senso economico.

Una cosa è certa: i materiali utilizzati nell’isolamento termico sono testati per i loro rischi per la salute. Inoltre, attraverso l’isolamento termico puoi non solo prevenire la crescita della muffa e regolare il tuo clima abitativo, ma anche evitare che alcuni componenti dell’edificio si raffreddino in inverno.

Il payback energetico del “giusto” materiale isolante può essere raggiunto in meno di 2 anni. Quindi, per ragioni di risparmio energetico, potrebbe avere senso per te.

Per determinare la redditività dell’isolamento esterno della tua facciata, ti consigliamo di effettuare un calcolo di redditività basato sulle condizioni limite individuali e di consultare anche un consulente energetico. Lui o lei può fare affermazioni più precise sulla fattibilità economica e consigliarti di conseguenza.

Come si applica l’intonaco isolante all’esterno?

Ci sono molti aspetti da considerare quando si applica l’intonaco isolante all’esterno. A partire dal substrato. Puoi rimuovere i vecchi strati di vernice e l’intonaco non sano e raschiare i giunti sani per creare una base solida.

Inoltre, devi pretrattare i substrati altamente o irregolarmente assorbenti, al contrario, per esempio, dei mattoni forati leggeri, e puoi applicare lo strato di intonaco isolante solo dopo 4 giorni.

Dämmputz

Gli specialisti hanno molti anni di esperienza nell’isolamento esterno e possono quindi fornirti risultati ottimali che valgono il loro investimento. (Fonte immagine: Bianca Sbircea-Constantin/ Unsplash)

Dopo una pulizia riuscita, puoi applicare l’intonaco isolante alla tua facciata. Un’applicazione monostrato è possibile fino ad uno spessore massimo di 6 cm, mentre per valori fino a 10 cm devi dividere l’applicazione in 2 strati. Non devi superare un tempo di riposo di 3 giorni tra le 2 mani.

Per l’applicazione, puoi utilizzare le macchine intonacatrici disponibili in commercio, ma avrai bisogno di un set di attrezzature aggiuntive in più parti. Inoltre, puoi utilizzare profili in gesso che possono essere fissati alla muratura con tasselli e malta per creare angoli di costruzione solidi.

Cosa devo tenere a mente quando lavoro con l’intonaco isolante per esterni?

Quando applichi l’intonaco, dovresti assicurarti che sia resistente all’acqua. Tuttavia, poiché è difficile combinare questa proprietà con una bassa conducibilità termica, l’intonaco termoisolante può essere utilizzato come strato di base. Puoi poi ricoprirlo con uno strato di intonaco di finitura idrofobo per ottenere l’effetto desiderato.

Più spesso è lo strato di intonaco, più importante è applicarlo in modo uniforme.

La disciplina principale nell’applicazione dell’intonaco isolante è l’uniformità, altrimenti non è possibile un isolamento termico uniforme. Inoltre, gli additivi come l’aerogel complicano l’applicazione richiedendo metodi speciali.

L’ intonaco isolante esterno è un sostituto sensato dell’ETICS?

I sistemi compositi di isolamento termico esterno (ETICS) consistono in combinazioni di materiali edili multistrato che possono essere installati all’esterno delle facciate degli edifici. L’intonaco isolante è un’alternativa sensata quando non puoi installare un ETICS.

Esempi di questo sono i lavori di ristrutturazione legati all’energia, i successivi lavori di isolamento intorno ai cassonetti delle tapparelle senza schiuma isolante, così come evitare costosi adattamenti strutturali che possono essere associati all’installazione di pannelli isolanti.

La conducibilità termica delle soluzioni ETICS convenzionali è di 0,032λ, il che pone il gesso termoisolante con aerogel in una posizione migliore con un valore di 0,028λ. Tuttavia, la maggiore conducibilità può essere compensata da uno spessore fino a 25 cm.

Si può usare l’intonaco isolante sulle facciate elencate?

Puoi risparmiare notevoli perdite di energia installando l’intonaco termoisolante. Tuttavia, devi prendere in considerazione alcuni aspetti e di solito devi passare attraverso un lungo processo di approvazione.

Prima di tutto, devi scoprire nel tuo comune se il tuo edificio è effettivamente elencato. Ogni stato federale ha le sue leggi in materia, che devi rispettare con urgenza. Dato che di solito si possono attuare solo misure minime quando si ristrutturano i monumenti, una lista di priorità può esserti di grande utilità.

Dämmputz

Le case a graticcio sono spesso elencate per la loro architettura storica e per ricordare i modi di vita del passato. (Fonte immagine: Gaëtan Werp/ Unsplash)

Mentre la ristrutturazione esterna delle case a graticcio può essere di solito non problematica, a meno che non siano a graticcio a vista, l’ornamento elaborato o gli stucchi sulle vecchie ville di solito impediscono l’intonaco isolante esterno. In caso di emergenza, puoi passare ad una soluzione di rendering interno combinato o prioritario qui.

Come si può riparare l’intonaco isolante esterno?

Hai notato qualche danno alla tua facciata esterna? Allora devi ripararlo in ogni caso, perché altrimenti grandi aree di intonaco possono staccarsi nel tempo al posto di una piccola crepa, e il tuo tessuto edilizio può perdere la sua resistenza alle intemperie.

È meglio picchiettare attentamente l’area danneggiata in modo da poter controllare quanto è esteso il danno. Puoi rimuovere tutte le aree allentate e dipingere le superfici esposte con un primer impregnante per gesso. Una volta che questo si è asciugato, puoi riempire le aree aperte, applicare un primer, riempire i giunti e infine applicare e lisciare l’intonaco isolante come in origine.

Conclusione

L’intonaco isolante può essere una buona opzione per un isolamento termico (aggiuntivo) non solo all’interno ma anche sulla tua facciata. Puoi scegliere tra diversi additivi e rinnovare così non solo il tuo nuovo edificio ma anche i vecchi edifici.

Puoi lavorare in modo indipendente quando applichi l’intonaco termoisolante. Tuttavia, ti consigliamo di consultare uno specialista, poiché è necessario un metodo specializzato, specialmente per l’intonaco isolante con aerogel. Alla fine, dipende da te quale intonaco scegli e quanto alto potrebbe essere il beneficio economico per la tua facciata.

(Foto di copertina: Aleksandr Rado / 123rf)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni