Ultimo aggiornamento: 28/09/2021

Da qualche anno a questa parte, il termine “cambiamento climatico” è stato sentito e letto nei media ancora e ancora. Si parla di termini tecnici e spesso i profani non capiscono una parola. Ma nell’ignoranza di molti, c’è una grande connessione tra le emissioni di CO2 e il cambiamento climatico.

Questo articolo tratta le domande più frequenti, comprese le ultime cifre sulla CO2 nel mondo. Tutto ciò che vale la pena sapere è riassunto in un articolo. Alla fine c’è un riassunto delle informazioni più importanti.




Sommario

  • Ci sono stati innumerevoli venerdì per il futuro nel 2019. Ma la maggior parte delle persone non sa nemmeno cosa significhi in realtà. L’origine del problema risiede nelle emissioni di CO2. La Germania non è in cima alla lista in questo senso, ma ci sono alcuni punti che possono essere migliorati.
  • Si verificano sempre più disastri naturali. Il 2020, per esempio, gli incendi del bush in Australia. E questo accadrà sempre più spesso, perché il riscaldamento globale è il fattore scatenante di tutto il male. Se non cambiamo questo, le cose peggioreranno.
  • Tutti possono dare un contributo. L’impronta di CO2 cerca di rendere chiaro dove si trovano le fonti di errore nel nostro stile di vita. Iniziando dal cibo che mangiamo e finendo con il nostro comportamento di consumo. Se ti orienti su questo, puoi già cambiare qualcosa.

Emissioni di CO2: cosa dovresti sapere

Ogni giorno siamo colpiti e sentiamo ogni genere di cose sulle emissioni di CO2. Ma cosa è veramente vero? Abbiamo scritto questo articolo per portare chiarezza su questo argomento. Qui troverai le domande e le risposte più importanti sulle emissioni di CO2.

Cosa sono le emissioni di CO2?

CO2 è un termine che viene dalla chimica. È composto da ossigeno e carbonio. Si chiama anidride carbonica. È uno dei gas nobili e si trova frequentemente sulla terra. Si forma dalla combustione del carbonio. L’ossigeno è sempre coinvolto in questo processo.

Gioca un ruolo importante in relazione al clima. Attraverso la CO2, il calore viene irradiato verso la terra. Prima veniva emesso dalla Terra nello spazio. Questo significa che le temperature aumentano. Ecco perché di solito è difficile prevedere il tempo. Con l’aiuto delle stazioni meteorologiche, questo dovrebbe essere più facile. L’intero processo è responsabile del fatto che siamo in grado di vivere qui ed è chiamato effetto serra. La CO2 costituisce circa l’80% del gas serra. È seguito dal metano o dal protossido di azoto.

Da quando esistono gli esseri umani, il bilancio di CO2 è aumentato notevolmente. Questo perché il contenuto di CO2 nell’aria è troppo alto. Questo si nota chiaramente quando diventa sempre più caldo. La conseguenza a lungo termine di ciò è il cambiamento climatico. Oltre alle emissioni di CO2, tuttavia, la deforestazione della foresta pluviale è anche incolpata del riscaldamento globale.

Come vengono misurate le emissioni di CO2?

Niente affatto. È possibile calcolarlo, ma i valori esatti non possono essere misurati. Questo perché la CO2 non solo è inodore, ma anche senza peso e invisibile. I calcoli sono fatti nel tentativo di avvicinarsi il più possibile ai valori reali. I bilanci energetici sono usati come modello. I valori sono calcolati sulla base di questo. Tuttavia, questo è un processo molto complicato e può richiedere dai due ai tre anni.

Qual è l’unità di misura della CO2?

L’energia è data in carbone per tonnellata. Tuttavia, è anche possibile esprimerlo in chilowattora. Affinché i calcoli possano essere fatti, tutto è dato in una sola unità. Questi sono joule o terajoule. Sono necessarie tonnellate per poter fare un’indicazione di CO2 da questo. Sappiamo, per esempio, che un gigajoule (la terza unità più grande del joule) produce 93,6 kg di emissioni di CO2.

Perché le emissioni di CO2 sono così pericolose?

CO2 è in realtà molto importante per la fotosintesi, gli oceani e i terreni. Può essere conservato o convertito lì. Probabilmente ora ti starai chiedendo dove sta il problema. Il problema è che le emissioni di CO2 sono ora così alte che non ci sono abbastanza modi per compensarle.

Dal momento che le alte emissioni di CO2 guidano il riscaldamento globale, è lì che si trova il problema. Un bilancio di CO2 troppo alto permette all’atmosfera di riscaldarsi. Avrai notato che ci sono spesso siccità o incendi boschivi perché il terreno era troppo secco. D’altra parte, anche le inondazioni o altri disastri naturali estremi possono essere innescati da questo.

Se le emissioni di CO2 continuano ad aumentare, anche il numero di questi disastri aumenterà. Di conseguenza, l’estinzione degli animali ma anche degli esseri umani è minacciata.

Un altro problema del riscaldamento globale è l’aumento del livello del mare. Nei paesi che non confinano con il mare, questo non è un problema. Ma l’Italia, per esempio, è colpita. Venezia ha dovuto combattere le inondazioni sempre più frequentemente negli ultimi anni. Anche lo scioglimento dei ghiacciai non contribuisce positivamente a questo.

Le emissioni di CO2 sono anche un problema per gli stessi esseri umani. Per ogni volta che respiriamo, il 4% è CO2. Estrapolato ad un anno, può arrivare a 2000 kg. Questo ha conseguenze a lungo termine sulla salute. In alcune regioni asiatiche, le emissioni di CO2 sono così alte che le persone indossano protezioni per la bocca e il naso per proteggersi.

Quanto sono alte le emissioni di CO2 in Germania?

Secondo le statistiche pubblicate nel 2020, le emissioni di CO2 degli abitanti tedeschi sono di 8,4 tonnellate pro capite. Il valore medio a livello mondiale è stato di 4,8 tonnellate di emissioni di CO2.

CO2 Ausstoß

Friday for Future e altre manifestazioni hanno luogo contro le emissioni di CO2. (Fonte immagine: Adrian Balasoiu/ Unsplash)

In confronto, la cifra del 2014 era di 8,89 tonnellate all’anno. La leggera diminuzione è dovuta a vari fattori. Nel prossimo futuro, la Germania vorrebbe raggiungere la neutralità dei gas serra e quindi avere valori molto buoni.

Cosa causa le maggiori emissioni di CO2?

Come già detto, la CO2 è responsabile del cambiamento climatico. Qualche anno fa, il saldo era molto più basso. Tuttavia, a causa del nostro stile di vita, è aumentato rapidamente. Forse hai sentito parlare dell’impronta di CO2. Questo calcola quanta CO2 emette una singola persona. Questo dipende da fattori del proprio stile di vita. Anche noi esseri umani causiamo emissioni di CO2 attraverso l’aria che respiriamo. Ma questa è una proporzione molto più piccola rispetto ad altri aspetti.

Secondo una statistica del 2020, la generazione di elettricità e calore è una parte molto grande delle emissioni di CO2 con quasi il 50% – seguita da fattori come i trasporti, l’industria, gli edifici ma anche i servizi commerciali e pubblici. Quindi, più precisamente, riscaldamento elettrico.

Quale paese ha le più alte emissioni di CO2 nel mondo?

2020 ha pubblicato delle statistiche che mostrano quanta CO2 viene emessa pro capite nel mondo. Nel 2018, l’anno della misurazione, le emissioni di CO2 erano 36 420 milioni di tonnellate in tutto il mondo. Questo mostra un aumento rispetto agli anni precedenti. Dal 1960, c’è stato un aumento di circa il 60%. Si stima addirittura che entro il 2050 la cifra salirà a 43,1 milioni di tonnellate.

Nella seguente tabella troverai i primi dieci paesi. Le cifre sono date in tonnellate.

Paesi emissioni pro capite di CO2 in tonnellate
Qatar 31.27
Emirati Arabi Uniti 19.99
Australia 15.32
Canada 15.25
USA 15.03
Arabia Saudita 14.59
Corea del Sud 11,74
Russia 10.98
Paesi Bassi 8,76
Giappone 8.55

Dove posso leggere le emissioni di CO2 della mia auto?

Dal 2011, tutte le auto devono essere etichettate con una cosiddetta classe di efficienza di CO2. Questo dovrebbe rendere più facile mostrare quanto sia ecologica un’auto. Ogni produttore deve classificare il veicolo prodotto in questa classe di efficienza. Quanto bene o male l’auto si comporta dipende dal peso del veicolo e dalle emissioni di CO2.

Ci sono un totale di otto classi, che sono assegnate a diversi colori. La valutazione si basa sulla seguente scala

  • Da A+ a B: verde
  • C: giallo-verde
  • D: giallo
  • E: arancione
  • F: arancione scuro
  • G: rosso

Per scoprire quanta CO2 emette la tua auto, puoi chiedere al concessionario. Lui o lei deve essere in grado di fornire informazioni sui valori esatti. Ci sono anche innumerevoli tabelle su Internet. Lì troverai informazioni precise sulle singole marche e serie di automobili.

Quale auto ha le più alte emissioni di CO2?

Dall’inizio dell’anno, i limiti di emissione di CO2 per le auto sono stati inaspriti. Attualmente sono 95 grammi per chilometro. Questo è un grande incentivo, specialmente per i produttori di automobili, a produrre veicoli con basse emissioni. Nel frattempo, ci sono anche delle sanzioni se i limiti prescritti non vengono rispettati. Nei prossimi nove anni, il limite sarà abbassato a 61,75 grammi.

Le auto elettriche contano come 0 grammi per chilometro e quindi non sono incluse nel calcolo. Questo perché vengono prese in considerazione solo le emissioni dirette di CO2. La produzione non è rilevante. Inoltre, non tutte le auto che possono essere acquistate attualmente soddisfano i requisiti. Questo perché il valore è basato sul valore medio dell’anno di riferimento.

I concessionari d’auto tedeschi attualmente più popolari sono nel terzo superiore e medio del confronto. Questi includono i marchi Audi, BMW e Opel. Mercedes è proprio in cima. Toyota forma il contrasto. Questo commerciante ha il miglior punteggio. È seguita direttamente da Citroen, Peugeot e Renault. Volkswagen, Fiat e Dacia sono attualmente nel mezzo.

Come posso ridurre le mie emissioni di CO2?

Dal momento che le più alte emissioni di CO2 sono dovute alle fonti di energia, questo è esattamente dove dovresti iniziare. Minimizzare o ottimizzare il consumo di elettricità è un buon approccio. Non devi fare a meno di tutti i dispositivi tecnici, ma dovresti usarli consapevolmente attraverso il controllo del riscaldamento.

Ogni piccolo passo è un grande passo nella giusta direzione.

Fai a meno del riscaldamento a gas, per esempio, perché passare all’elettricità verde può anche avere un effetto positivo. Come per il riscaldamento, puoi trovare alternative anche per il raffreddamento.

Puoi anche dare un buon contributo con il tuo mezzo di trasporto. Riduci il tempo che passi sugli aerei e sostituiscilo con viaggi in treno. Nella vita quotidiana, spesso aiuta evitare di guidare per brevi distanze e usare i trasporti pubblici. È ancora meglio se prendi una bicicletta o vai a piedi.

Anche il comportamento dei consumatori in generale è un problema molto grande. Ogni anno c’è un progresso tecnologico e nuovi telefoni cellulari, tablet o computer vengono immessi sul mercato. Spesso il vecchio cellulare ha solo uno o due anni eppure ne viene comprato uno nuovo.

Puoi applicare lo stesso principio ai vestiti. Prima di comprare qualcosa, pensa se ne hai davvero bisogno. Il guardaroba sta scoppiando e si comprano ancora nuovi vestiti o accessori. Un’alternativa sarebbe quella di andare in un negozio di seconda mano. Questi negozi stanno diventando sempre più comuni e i prodotti sono solitamente di ottima qualità.

Infine, anche l’argomento del cibo dovrebbe essere affrontato. Per ridurre le emissioni di CO2, puoi fare a meno della carne. Un grande problema qui è anche lo spreco di cibo. Quante volte hai buttato via del buon cibo solo perché era scaduto? Questo non è necessario, perché i prodotti sono ancora buoni più a lungo e possono essere mangiati.

Come puoi vedere, puoi fare la differenza in diverse aree. Dalla colazione al lavoro o alle attività del tempo libero. Non devi cambiare tutta la tua vita, ma anche piccoli passi possono fare una grande differenza a lungo termine.

Come posso compensare le mie emissioni di CO2?

Dato che i viaggi aerei hanno un impatto molto grande sulle emissioni di CO2, c’è la possibilità di compensare. In generale, non è consigliabile volare frequentemente durante l’anno. Le alternative sono, per esempio, i treni o gli autobus. Un solo volo per l’Australia (escluso il volo di ritorno) produce 12 tonnellate di CO2. Estrapolati ai voli che prendi durante l’anno, queste sono somme enormi.

Neutralizzare è bene, evitare è meglio.

Ma se non vuoi rinunciare ad una vacanza più lontana, puoi pagare dei soldi per compensare le emissioni di CO2. Questo comporta il calcolo del valore della distanza percorsa.

Questo valore viene poi convertito in denaro. Poi puoi scegliere a quale progetto i soldi dovrebbero andare. Ci sono diverse possibilità e puoi scegliere liberamente. Per esempio, ci sono organizzazioni che piantano alberi. Oppure il denaro viene investito nella costruzione di energia rinnovabile.

Conclusione

Tutti sono colpiti dal cambiamento climatico. Naturalmente, alcuni hanno più problemi di altri. Tuttavia, tutti sono responsabili di come stanno andando le cose per quanto riguarda le emissioni di CO2. Anche se la Germania non ha il consumo più alto, il paese è nella fascia alta. Ci sono accordi sul clima, ma se non aiuti, l’obiettivo non sarà raggiunto.

Si può ottenere molto facendo piccole cose che sono facili da integrare nella vita quotidiana. Al momento, il pericolo è ancora piccolo, ma più passa il tempo e peggio sarà. Se le cose continuano così, le emissioni di CO2 diventeranno ancora maggiori e non solo faremo un cattivo servizio agli altri, ma anche a noi stessi.

(Foto di copertina: Marcin Jozwiak/ Pexels)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni