Se sei entrato in questo articolo è perché probabilmente stai cercando informazioni sui dispenser per sapone. Uno dei motivi che spinge le persone a comprare questo accessorio è la loro praticità. Tuttavia ci sono altri vantaggi che ne giustificano l’acquisto, come per esempio lo spazio che fanno risparmiare e il minor spreco di qualsiasi sapone utilizzato.

Non è comodo solo per lavarsi le mani in bagno. Molte persone lo utilizzano nella doccia, in cucina e in tutti quei posti dove il sapone può tornare utile. Il mercato offre tantissimi modelli, quindi scegliere un buon dispenser non è sempre così scontato. Ecco perché abbiamo creato questa guida. Ti aiuterà a fare un acquisto migliore, di cui poi non dovrai pentirti in seguito.

Le cose più importanti in breve

  • Un dispenser è uno strumento molto utile nel momento di devi conservare il sapone, ma anche pratico quando devi farne uso.
  • Esistono alcuni modelli che erogano il sapone in maniera automatica. Sembra più comodo ed igienico, giacchè non è necessario toccare il dispenser per ottenere il prodotto. In questo caso funzionano con le pile.
  • In commercio troverai un buon numero di dispenser. È vero che in pratica sono molto simili, ma presentano alcune differenze importanti di cui dovresti tener conto.
  • Analizzare ciò che offre ciascun dispenser sapone ti aiuterà a scegliere il miglior modello. Non tutti sono adattabili al lavandino, alla doccia o al lavello della cucina, quindi valuta bene ogni caratteristica.

Classifica: I migliori dispenser di sapone sul mercato

Cominciamo la nostra guida all’acquisto di dispenser sapone analizzando alcuni dei migliori modelli che si possono trovare in commercio. Potrai così notare le diverse caratteristiche di ciascuno e capire se qualcuno di questi possa andare bene per le tue esigenze. Inoltre, troverai anche le recensioni di chi ha acquistato tali prodotti in precedenza.

Posto nº1: Rangement & Cie

Dispenser manuale da parete doppio, realizzato in plastica di alta qualità. Capacità di 360 ml per ciascun contenitore. Salvaspazio e di facile installazione. Montaggio senza utilizzo di strumenti e senza alcun bisogno di fori. Ideale in bagno, doccia o cucina. Adatto per sapone, gel doccia, lozioni, bagnoschiuma e sapone liquido. Disponibile in colore argento.

La maggior parte degli acquirenti lo ha comprato per la doccia e ne viene confermata la grande praticità e il risparmio nell’utilizzo di shampoo e bagnoschiuma. Nonostante sia di plastica, sembra abbia una buona qualità ed una buona tenuta. Il montaggio è semplice e non richiede trapano.

Posto nº2: Anself CHUANGDIAN

Dispenser a parete molto elegante. Capacità di 200 ml. Salvaspazio ed elimina il disordine di flaconi e bottiglie. Corpo del dispenser trasparente per controllare il liquido rimasto. Disponibile in tre tonalità differenti: champagne oro, bianco e argento. Funzione di erogazione manuale.

Le recensioni confermano la bontà di questo prodotto per quanto concerne montaggio e soprattutto, confermano che dopo l’utilizzo non perde sapone. Alcuni utenti segnalano che la ricarica avviene attraverso uno sportellino sopra al dispenser, che si apre con una chiavetta ritenuta delicata. Quindi invitano alla cautela nell’usarla. Ottimo rapporto qualità/prezzo.

Posto nº3: Umbra – Otto

Dispenser automatico con funzione erogazione senza contatto. Apporta un elemento di igiene in bagno, doccia, cucina. Elegante e resistente. Design di Dennis Cheng. Capacità esatta di 266 ml. Disponibile in tre colori: bianco, nero e nickel. Finestra frontale trasparente per controllare il liquido rimanente disponibile.

Promosso da molte recensioni, gli utenti si dicono soddisfatti del rapporto qualità/prezzo e dell’eleganza. Alcuni utenti sottolineano un’erogazione del sapone copiosa per cui viene consigliato di attendere la fase di erogazione sia completata onde evitare di versare del sapone sul lavandino o sul piano di lavoro.

Posto nº4: Poligino

Dispenser a muro con erogazione manuale. Disponibile in due colori: bianco e grigio. Capacità di 400 ml. Montaggio facile con modalità di riempimento dall’alto. Può essere staccato ed essere utilizzato come unità singola. Completamente in plastica di alta qualità. La quantità di un’erogazione singola è di 1,5 ml.

Le recensioni lo considerano un prodotto gradevole con un buon rapporto qualità/prezzo. Particolarmente apprezzata la quantità di erogazione. Qualcuno storce il naso per la necessità di tasselli e viti per l’operazione di fissaggio al muro, ma viene anche fissato con del semplice autoadesivo.

Posto nº5: Kousing

Dispenser automatico con sensore da 200 ml, completamente in plastica ABS. Ogni erogazione porta 1 ml di prodotto, ma il sensore intelligente fa sì che tenendo la mano più tempo si ottiene un’altra erogazione. Anti perdite ed impermeabile. Disponibile solo in bianco. Sensore funzionante fino a 5 cm. Capacità del contenitore di 200 ml.

Solo recensioni positive per il momento. Usato sia in bagno che in cucina, viene apprezzato soprattutto per la giusta quantità di sapone erogata. Alcuni utenti lamentano un utilizzo di troppe batterie (4 AAA, non in dotazione), ma rimane comunque un dispenser dall’ottimo rapporto qualità/prezzo.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sul dispenser sapone

L’obiettivo per cui abbiamo preparato questa guida è perchè tu possa effettuare il miglior acquisto possibile al momento della scelta del dispenser. Già conosci cosa ti offrono i modelli più rilevanti del mercato. Però nelle seguenti righe andrai a scoprire più aspetti importanti che devi considerare. Prendi nota di tutto ciò che leggerai.

dispenser-sapone-prima-xcyp1

Un dispenser è un utensile che serve per contenere e dispensare sapone o disinfettante per le mani secondo quello che desideri.(Fonte: Kitz Corner: 94836561/ 123rf.com)

Cos’è esattamente un dispenser e come funziona?

Un dispenser è un accessorio che serve per contenere e dispensare sapone. Anche se fondamentalmente tutti i modelli esistenti in commercio sono simili, hanno alcune differenze che vale la pena citare. Una delle principali è che possono essere a pressione manuale o automatici, che dispensano sapone grazie ad un sensore che rileva le mani.

Un dispenser ha un uso molto semplice. Devi solo aprire il serbatoio, in alcuni casi sarà necessaria una chiavetta, e versare il sapone al suo interno. Bisogna farlo con attenzione affinchè non fuoriesca il prodotto. Nel caso dei dispenser automatici si deve verificare che le pile funzionino correttamente.

È meglio acquistare un dispenser automatico o no?

Una delle prime domande che si fanno coloro i quali intendono acquistare un dispenser è se è meglio che sia automatico o meno. Certo, ad un primo sguardo si potrebbe pensare che è sempre meglio che lo sia. Ma ci sono alcune circostanze che fanno sì che possa risultare più conveniente puntare sul modello tradizionale, per quanto sia meno comodo.

Per esempio, con un dispenser automatico si deve sempre far affidamento alle pile per poterlo utilizzare. Dall’altro lato, se vivono bambini in casa, potrebbe essere una tentazione per loro giocare tutto il tempo con il dispenser. A parte questo, è più comodo, igienico e pratico il dispenser automatico. Certo è, il prezzo sarà superiore.

Bernardo GuzmanDottore in Medicina Preventiva presso l’Ospedale Reina Sofía

“Consiglio di lavarsi le mani prima di consumare o preparare alimenti, dopo essere andati al bagno, aver toccato oggetti sporchi o dopo attività che includono contatto con la terra o con gli animali”.

Quando puntare su un dispenser automatico?

Nel paragrafo precedente mostravamo alcuni vantaggi e svantaggi dei dispenser automatici rispetto ai tradizionali. Ora spieghiamo quando è una buona idea scegliere un modello di questo tipo. In merito al paragrafo precedente faremo una postilla: nel caso dei bambini può essere un buon sistema affinché non scarichino il dispenser.

Su un posto di lavoro risulta sempre più igienico far affidamento ad un modello automatico, per evitare che troppe persone tocchino il dispenser. Per motivi simili, è consigliato anche in cucina, sia domestica che professionale. Di fatto, nell’ultimo caso può essere fondamentale per evitare problemi di contaminazione.

Che tipi di dispenser esistono?

Abbiamo preparato la seguente tabella per presentarti i tipi di dispenser che si possono trovare in commercio. È importante tener conto dell’uso che andiamo a farne perchè si punti su quella che risulti la più pratica. Di fatto, puoi scegliere di metterne uno diverso per ogni bagno, anche se puoi decidere di metterli uguali in tutta la casa:

Tipo di dispenser Utilizzo
Da banco È il più comune. Il suo utilizzo è molto semplice. Basta solo appoggiarlo su un ripiano e premere l’erogatore.
Da parete Si installa su una parete e deve essere premuto un bottone o tirata una leva per far erogare il sapone. Di solito viene utilizzato nei locali pubblici.
Automatico Può essere sia da banco che da parete, e viene attivato solo dal passaggio della mano davanti al sensore, il che fa erogare il sapone automaticamente.

Che meccanismi di erogazione hanno i dispenser?

I dispenser dispongono di due tipi diversi di meccanismi di erogazione. Dovresti tenerli presente quando sei a decidere quale scelta sia la migliore per te. Alcuni infatti, come si vedrà nel seguente elenco, potranno essere più o meno adeguati che altri. Quindi, presta attenzione a questi consigli:

  • A pressione: Bisogna premere su un pulsante o sull’erogatore, più o meno grande, per far uscire il sapone. È il modello più utilizzato di tutti, soprattutto nelle case.
  • A leva: In questo caso è necessario tirare una leva per far uscire il sapone. Possono avere il difetto di non tornare bene in posizione e far uscire quindi del sapone anche quando non serve.
  • Automatici: Come abbiamo visto il dispenser automatico utilizza un sensore che eroga il sapone quando si pone la mano sotto. È più igienico e di solito più preciso nell’erogazione (con meno spreco) e per questo è molto utilizzato in locali pubblici.

Quali sono i benefici principali nell’utilizzare un dispenser?

Nella lista seguente ti mostriamo alcuni benefici da considerare nel momento dell’acquisto del dispenser. A volte potresti sottovalutarli, mentre soffermarti su questi criteri potrebbe aiutarti a fare la scelta giusta:

  • Spazio: Quando il dispenser è a parete, non si hanno confezioni o altro sul lavabo, sulla vasca o dove viene usato. Inoltre nel momento dell’uso si hanno le mani libere.
  • Capacità: Molti modelli offrono una grande capacità. Questo potrebbe risultare più comodo, ma sono anche più pesanti quando riempiti. Se utilizzi il dispenser spesso e non puoi/vuoi essere sempre a riempirlo, allora ti consigliamo un modello con un contenitore di maggiore capacità.
  • Pulizia: Un dispenser ha il vantaggio di non macchiare la zona in cui viene posizionato, come farebbe una saponetta. Se ti piace tener pulito, questo è indiscutibilmente un motivo per acquistarlo.
  • Semplicità d’uso: Riempire un dispenser è estremamente facile, chiunque può farlo. Per cui il suo facile utilizzo è un vantaggio da tenere presente se hai bimbi in casa.
  • Versatilità: Il dispenser può essere utilizzato con tutti i tipi di sapone liquido. Se ne può usare uno specifico per le mani, ma anche il docciaschiuma o, in cucina, il sapone per lavare i piatti.
  • Risparmio: Con un dispenser di sapone si ottiene la quantità giusta di sapone da utilizzare che si necessita. In tal modo si arriva a non sprecare del prodotto e a risparmiare denaro.

È meglio utilizzare sapone liquido o la saponetta?

Altro dubbio che si può avere prima di acquistare un dispenser è se è meglio utilizzare sapone liquido o la saponetta. Certo è che il sapone liquido è più igienico per diversi motivi. Per esempio, non lo toccano diverse persone, non lascia resti sul ripiano e lo sporco non entra in contatto con il sapone.

Una saponetta può non solo accumulare sporcizia di altre persone, ma anche anche alcuni germi. Inoltre, una volta che si utilizzano varie volte le saponette iniziano ad avere una forma poco estetica. Quando stanno per terminare si saranno trasformate in vari piccoli pezzi che solitamente finiscono nella spazzatura, sprecando prodotto.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dei dispenser?

Senza dubbio, disporre di un dispenser risulta molto pratico come sicuramente avrai capito dopo aver letto questa guida. Qui sotto abbiamo raggruppato i suoi principali vantaggi, ma anche alcuni inconvenienti che possono presentare. Sicuramente ti può essere molto utile rivedere questi aspetti:

Vantaggi
  • Fanno risparmiare spazio
  • Sono igienici
  • Fanno un uso migliore del sapone
  • Sono facili da utilizzare
  • Sono versatili
Svantaggi
  • Alcuni modelli sono un po’ cari
  • Possono rompersi
  • Bisogna ricordarsi di riempirli

Criteri di acquisto

Sicuramente ti inizia ad essere chiaro cosa devi aspettarti dal tuo dispenser. Non devi sottovalutare anche altri aspetti, che sono altrettanto importanti nel momento in cui effettui l’acquisto. Analizzare i seguenti criteri ti aiuterà a realizzare il miglior acquisto possibile. Quindi prendi nota di tutti:

  • Misure
  • Tipi
  • Meccanismo di erogazione
  • Materiali
  • Montaggio

Misure

Nel momento dell’acquisto devi considerare le misure del dispenser. Calcola se disponi di spazio sufficiente sul piano del tuo lavandino o lavello, la superficie della parete o nel posto dove vai a collocarlo. Analizza anche la capacità del contenitore, da questa dipenderà la frequenza delle ricariche. Maggiore sarà, più potrai diradare l’operazione di ricarica nel tempo.

OMSOrganizzazione Mondiale della Salute

“Lavarsi le mani in maniera corretta riduce del 50% la possibilità di soffrire di diarrea nei bambini, e del 25% la possibilità di avere infezioni respiratorie”.

Tipo

Essenzialmente esistono due tipi di dispenser: da banco e da parete. Quelli da banco sono più economici e occupano spazio sulla superficie dove li posi. Hanno però il vantaggio di poter essere spostati in differenti zone, a seconda dell’uso che ne vuoi fare. Quelli da parete invece non occupano superfici piane, ma devi portarli a giro.

Nelle cucine moderne esistono anche modelli ‘a incasso’. In pratica l’erogatore è incassato nel lavello e il contenitore del sapone è sotto. Qui sotto puoi vedere un esempio in video.

Meccanismo di erogazione

Come abbiamo spiegato in una sezione precendete, il tipo di erogazione può essere a pressione, a leva o automatico. Ognuno di questi ha dei vantaggi e degli svantaggi. Sta a te scegliere in base alle tue esigenze, come la presenza di bambini, il punto dove lo posizionerai e l’uso che ne farai.

Sicuramente il dispenser automatico è più igienico, mentre quello a pressione è il più usato e di facile utilizzo. Quelli a leva si trovano spesso nei locali pubblici e al loro interno a volte viene inserito un sapone a schiuma.

Materiali

La maggioranza dei dispenser che si trovano in commercio sono prodotti in plastica o in acciaio. I primi sono economici, sopportano molto bene lo sporco, per cui sono ideali se si usano molto. I secondi si puliscono bene e di solito più eleganti. Inoltre hanno una maggiore durata. Possono però rovinarsi facilmente se l’acciaio non è di qualità.

Montaggio

Se punti su un dispenser da parete verifica che il suo montaggio sia semplice. La normalità è che contenga tutti i pezzi di cui ha bisogno, ma controlla che sia così. Considera che spesso i modelli che richiedono l’uso del trapano, sono spesso installabili anche con un biadesivo. Comunque sia controlla di non dover impazzire o chiamare uno specialista solo per montare il dispenser.

dispenser-sapone-particolare-xcyp1

È importante fare affidamento su un dispenser sapone specialmente in bagno, perché può tornare utile sotto più aspetti. (Fonte: Siraphob Tatiyarat: 55737151/ 123rf.com)

Conclusioni

Come hai visto, un dispenser è un accessorio semplice, che però può risultare molto pratico. Hai avuto la conferma che il sapone erogato è più igienico rispetto alla saponetta. Inoltre sai che è molto più comodo e sempre più utilizzato, sia in casa che in luoghi come gli uffici. Nell’ultimo caso a dire il vero non si usa altro.

Fra i dispenser, una delle migliori opzioni è quello automatico. Dispone di un sensore che alla rilevazione della mano eroga il prodotto. Non solo sono più comodi, ma anche più igienici. Questo perché in nessun momento si toccano né il dispenser né il sapone con le mani sporche. Sono i migliori da usare sui posti di lavoro e nei luoghi pubblici, ma a volte anche in casa.

Ti è piaciuta la nostra guida all’acquisto sui dispenser? Allora condividi queste informazioni sui social o lasciaci un commento.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Alexandr Bognat: 99607140/ 123rf.com)

Vota questo articolo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
23 Voto(i), Media: 5,00 di 5
Loading...