Ultimo aggiornamento: 21/04/2020

Come scegliamo

12Prodotto analizzati

25Ore impiegate

6Studi valutati

51Commenti raccolti

Benvenuto sul nostro articolo dedicato al decanter. Probabilmente sai che per gustare il vino al meglio sono utili alcuni accessori. Si parte da una cantinetta per mantenerlo alla corretta temperatura, un buon cavatappi per quando arriva il momento di aprirlo, i bicchieri giusti per degustarlo… Ma se sei su questo articolo è perché sai che decantare il vino aiuta a sprigionare nel miglior modo il suo bouquet aromatico.

Il decanter è un accessorio che non può mancare nella casa di chi ama il vino e vuole ossigenarlo velocemente. Tuttavia non tutti i decanter sono uguali. Quale dovresti scegliere per un vino giovane? E per uno invecchiato? Non temere, la nostra guida ti illustrerà, oltre ai migliori decanter sul mercato, anche il modo giusto di sceglierne uno in base alle tue esigenze. Iniziamo!

Le cose più importanti in breve

  • I decanter servono per migliorare le proprietà di alcuni tipi di vino, ma anche per separarlo dai suoi sedimenti.
  • Scegliere il decanter più adatto ed eseguire bene la procedura di decantazione è ciò che fa davvero la differenza quando si serve il vino.
  • Nella parte finale dell’articolo potrai consultare una serie di criteri di acquisto. Ti aiuteranno a focalizzarti su una possibile scelta.

I migliori decanter sul mercato: la nostra selezione

In questa sezione ti mostreremo quelli che al momento sono tra i decanter più apprezzati sul mercato. Li abbiamo selezionati in base a differenti criteri, per avere una maggiore scelta in base alle diverse esigenze che potresti avere. Questo è il modo giusto per conoscere le diverse caratteristiche e scoprire anche cosa pensano gli acquirenti del prodotto in questione.

Il decanter dal design più moderno

Decanter specifico per vino rosso, con capacità per 1,2 litri e dal design particolarmente originale e pratico, visto che può essere impugnato facilmente. È realizzato in vetro soffiato a mano di buona qualità, che non contiene piombo ed è alto 37 centimetri. Il produttore offre una garanzia di rimborso al 100% di 90 giorni.

In questo caso le recensioni a quattro e cinque stelle sono il 95%. Il successo è dovuto soprattutto al design, considerato bello e di effetto quando è sulla tavola. Ottimo rapporto qualità prezzo.

Il miglior decanter dal design classico

Benché anche questo decanter sia elegante, si distingue soprattutto per la sua funzionalità ‘classica’ a cui ci si abitua facilmente. Può essere usato per decantare sia vino bianco che rosso, è realizzato in vetro di qualità, ha un’ampia base per consentire al vino di respirare correttamente ed ha una capacità di 1800 millilitri.

Le opinioni rilasciate per questo decanter sono per l’87% a 4 e 5 stelle. Secondo quanto riportato è bello da vedere, ha un buon rapporto qualità prezzo, anche se il vetro presente alcuni piccoli difetti.

Il decanter con il design più elegante

Questo elegante decanter è realizzato in vetro soffiato privo di piombo e ha una capienza di 1200 millimetri. Il suo particolare design è stato progettato per contenere tutta una bottiglia (di solito da 750 ml) nel punto più largo. Inoltre finisce con un beccuccio obliquo che permette di versare meglio il vino e di evitare fastidiosi sgocciolamenti.

La maggior parte delle recensioni lo apprezzano specialmente per il suo originale design, ma anche per la sua praticità ed eleganza. Non è semplicissimo da pulire e far asciugare, ma qualcuno consiglia uno speciale scovolino.

Il miglior decanter in cristallo di Bohemia

Decanter realizzato in cristallo di Boemia, che gli conferisce un certo status e un tocco di distinzione. Ha una capacità di 1,5 litri e, grazie ai suoi 384 grammi, è molto maneggevole. Il design è classico ed è alto 25 centimetri.

In questo caso le recensioni a 4 e 5 stelle sono quasi il 90%. Questo decanter è molto bello da vedere e ha un ottimo rapporto qualità prezzo.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui decanter

Hai potuto leggere alcuni dei migliori decanter sul mercato. Ora è il momento di entrare nel mondo di questi accessori per il vino, solitamente realizzati in vetro. Vogliamo che tu conosca la loro origine, le funzioni principali e come utilizzarli. Tutto ciò ti permetterà di sceglierne uno specifico per le tue esigenze in modo che tu possa scoprire l’effetto che fanno sul vino.

Uomo che versa il vino nel decanter

Indipendentemente da ciò che stai cercando in un vino, dovresti sapere che esistono diversi accessori che ne aiutano a migliorarne tutte le caratteristiche. (Fonte: Olena Kachmar: 35949076/ 123rf.com)

Cos’è un decanter e a cosa serve?

Il decanter è un contenitore a forma di bottiglia o vaso, principalmente in vetro e trasparente per apprezzare il colore del vino. Che la maggior parte sia fatta di vetro non è casuale, poiché mantiene anche la temperatura e preserva meglio tutte le proprietà del vino. Esistono diversi design, tutti progettati per migliorare il sapore e l’aroma del vino.

Il decanter infatti serve principalmente a separare i sedimenti del vino e ad esaltarne le caratteristiche principali mediante una comoda ossigenazione. A seconda del tipo di vino, ad esempio se è giovane o invecchiato, la decantazione deve essere effettuata al momento giusto in modo che l’ossigenazione non interrompa il suo “rituale”.

Quando sono apparsi i primi decanter?

I primi decanter, per così dire, apparvero al tempo dell’Impero Romano, qualcosa che contrasta con i design moderni di alcuni modelli attuali. Le loro funzioni erano in qualche modo diverse nei loro primi anni, poiché erano fatte di argilla, ma sì, sotto forma di brocca, per preservare il vino nelle migliori condizioni possibili.

I romani, sebbene non lo avessero inventato, impiegarono l’uso del vetro e delle tecniche di soffiatura. Con la caduta dell’Impero, il vetro passò in secondo piano. Si riprese nel XVI secolo grazie al fatto che questo materiale tornò alla ribalta. È da quel momento che furono fabbricati i decanter più simili a quelli dei nostri giorni.

Dario FoAttore, regista, scrittore e attivista italiano

“Io sono sicuro che se il padre Dio in persona, invece di insegnarglielo al Noè, tanto tempo dopo, questo trucco meraviglioso di schiacciare l’uva, di tirar fuori il vino, glielo avesse insegnato subito, fino dal principio, all’Adamo, subito, prima dell’Eva, subito!… non saremmo in questo mondo maledetto, saremmo tutti in paradiso… salute!”.

Come si usa un decanter?

Devi seguire alcuni passaggi per usarlo correttamente. Innanzitutto, devi tenere la bottiglia di vino da aprire in verticale per ventiquattro ore. Prima della vera decantazione, può essere consigliato ‘avvinare’ il decanter. Questo significa usare il vino come ‘pulitore’ dei contenitore. Devi inserire una piccolissima quantità di vino e farla roteare bene per il decanter. Poi butta quel vino che avrà ripulito eventuali impurità e odori.

Per la decantazione devi inclinare il decanter e far scorrere il vino sulle sue pareti, con una velocità costante e con una certa attenzione. Il collo della bottiglia non deve essere posato sul contenitore. Ti consigliamo di eseguire questo processo in un luogo con un po’ di luce per vedere se i sedimenti si avvicinano al collo della bottiglia, cosa che non dovrebbe accadere.

Una volta che il vino è nel decanter, deve rimanerci per un po’ per essere ossigenato correttamente. Il tempo di riposo dipende principalmente dal tipo di vino. Possiamo parlare di minuti o addirittura ore.

Quali sono i principali pro e contro di un decanter?

Abbiamo incluso questo passaggio in modo che tu possa vedere quali vantaggi e svantaggi hanno i decanter, da un punto di vista generico. Per quanto possa sembrare dei dettagli da ppoco, in realtà che è esperto sa che non sono cose ininfluenti. Questo determina anche, in parte, se la scelta fatta è corretta o meno.

Vantaggi
  • Molto utile per ottenere il massimo dal vino
  • Aiutano separare i sedimenti del vino
  • Il processo di decantazione è semplice e può essere eseguito da chiunque
  • Ne esistono di diversi stili ed eleganti forme
  • Non sono troppo cari per i benefici che offrono
  • Sono leggeri e maneggevoli
Svantaggi
  • Alcuni modelli sono particolarmente fragili
  • Non tutti vanno bene per qualsiasi vino
  • Ogni vino richiede un determinato periodo di riposo per un”adeguata ossigenazione

Quanti tipi di decanter esistono?

Nel mondo dei decanter è conveniente conoscere tutti i tipi. Si dividono principalmente in due e servono per diversi tipi di vino. Tienilo a mente quando ne cerchi uno, poiché questo è un fattore chiave. Perché? Perché se non scegli il decanter giusto per il tipo di vino che consumi, puoi rovinarne tutte le sfumature.

  • Decanter per ossigenazione minima: si differenziano facilmente perché la bocca è stretta. Il loro compito principale è quello di separare i sedimenti. Consigliato per vini rossi, bianchi e giovani maturi che devono davvero essere decantati.
  • Decanter per la massima ossigenazione: hanno una bocca larga e sono progettati in modo che il vino si ossigeni mentre si versa. Sono consigliati per vini imbottigliati da molto tempo. Sono anche conosciuti come aeratori.
Donna che versa il vino dal decanter

I decanter servono per migliorare le proprietà di alcuni tipi di vino, ma anche per separarlo dai suoi sedimenti. (Fonte: Yulia Grogoryeva: 103747647/ 123rf.com)

Perché ossigenare il vino con il decanter?

Per mezzo di un decanter di massima ossigenazione, si vuole ottenere che il vino si ossigeni, principalmente per eliminare odori strani e spiacevoli che possono interferire con il suo sapore. Normalmente, questo processo deve essere eseguito con vini che sono stati a lungo conservati in bottiglia.

Come si pulisce un decanter?

La pulizia di un decanter non è complessa. Idealmente, va sciacquato con acqua molto calda immediatamente dopo l’uso in modo che il vino non riesca a macchiare il vetro. Una volta risciacquato correttamente, deve essere asciugato come qualsiasi altro contenitore. Ti consigliamo di non usare nessun tipo di sapone, visto che potrebbe interferire con gli usi successivi del decanter.

Decanter e bicchiere di vino

Il decanter è un contenitore a forma di bottiglia o vaso, principalmente in vetro e trasparente per apprezzare il colore del vino. (Fonte: Stefania Valvola: 112193226/ 123rf.com)

Criteri di acquisto

Nelle prossime righe, cercheremo di fornirti una serie di linee guida affinché tu riesca a concentrare le tue esigenze in un acquisto di successo. Parliamo di una serie di criteri molto semplici, ma sicuramente importanti. Se leggi questa sezione siamo sicuri che riuscirai a trovare il decanter perfetto per te.

Interessi

Criteri forti che segneranno senza dubbio il resto. Vuoi bere semplicemente o sei interessato a prepararti ad assaggiare un vino nelle migliori condizioni? Se il tuo caso è il primo, non c’è altro da dire, ma se vuoi andare avanti, espandi le tue conoscenze ed esegui i passaggi chiave per sfruttare le caratteristiche di un buon vino, resta sintonizzato.

Decanter dal design originale

Nel mondo dei decanter è conveniente conoscere tutti i tipi. Si dividono principalmente in due e servono per diversi tipi di vino. (Fonte: Lightfieldstudios: 102256082/ 123rf.com)

Design

Il design di un decanter non è semplicemente legato a problemi estetici. A volte, possono portare un vantaggio di distinzione ed eleganza, ma alla fine la cosa veramente importante è la loro funzione principale. I decanter di grande ossigenazione hanno una bocca e una base larghe, ovviamente per propiziare che un vino conservato a lungo possa prendere aria.

D’altra parte, i decanter a bassa ossigenazione hanno la funzione principale di separare i sedimenti dal vino. Di solito hanno un collo molto stretto in modo che il vino non sgoccoli mentre si versa. A seconda del tipo di vino che hai nella tua cantina o da quello che preferisci personalmente bere, dovrai decidere per un tipo o un altro.

Materiale del decanter

Potremmo non averlo menzionato prima, ma esistono decanter fatti di plastica. Li abbiamo tralasciati perché la cosa più consigliabile è acquistarne uno di vetro, che in fin dei conti è il materiale con cui sono fabbricati la maggior parte. Questo anche perché se ne trovano di economici e non serve ricorrere alla plastica, che inoltre assorbe il vino.

Capacità

La capacità del decanter dipenderà un po’ da ciò che si desidera servire. Ti consigliamo che la sua capacità sia doppia rispetto a quella della bottiglia da decantare, principalmente per far sì che ci sia spazio sufficiente per l’ossigenazione. Come regola generale, i decanter tendono ad essere minimo 1200 millilitri per le bottiglie da 750 millilitri. Trova quello che soddisfa le tue esigenze.

Vino versato in un decanter classico

Il design di un decanter non è semplicemente legato a problemi estetici. A volte, possono portare un vantaggio di distinzione ed eleganza, ma alla fine la cosa veramente importante è la loro funzione principale. (Fonte: Ilshat Bikmiev: 92680647/ 123rf.com)

Conclusioni

I decanter sono contenitori utili per trattare un vino e servirlo come merita. La maggior parte sono realizzati in vetro perché mantengono meglio la temperatura e le proprietà. A seconda del tipo di vino, devi optare per decer per ossigenazione massima o minima. Se fai la scelta giusta i risultati saranno notevoli.

L’arte della decantazione, come hai visto, non è affatto complessa. Basta scegliere il contenitore giusto, seguire alcuni specifici passaggi, e voilà. L’unica cosa di cui devi essere sicuro è il tempo di riposo del vino, se necessario, che dovrebbe essere rispettato per ottenere una buona ossigenazione.

Speriamo di averti aiutato il più possibile. Se ti è piaciuto l’articolo sul decanter, condividilo sui tuoi social network o lasciaci un commento.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Freeprod: 81615987/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Marco Lombardi Scrittore e traduttore
Mi sto laureando in lingue e viaggio per il mondo da quando avevo 12 anni. Sono anche un tipo sportivo e mi piace l'avventura. Grazie a queste mie passioni riesco a scrivere articoli su ciò che mi interessa cercando sempre di essere il più utile possibile per il lettore.