annaffiatoio
Ultimo aggiornamento: 27/07/2021

Come scegliamo

28Prodotto analizzati

96Ore impiegate

30Studi valutati

226Commenti raccolti

Le piante hanno bisogno di acqua per crescere. Che si tratti di un giardino con fiori, un prato, un orto o anche una pianta ornamentale, l’irrigazione è quindi diventata vitale per la sopravvivenza della flora. Ma non dimentichiamo che questa operazione non dovrebbe essere fatta in nessun modo.

È importante controllare il flusso d’acqua per non rischiare di uccidere la pianta. Consapevoli di questo, sia i giardinieri dilettanti che gli esperti di botanica si stanno rivolgendo agli annaffiatoi. Pratica e decorativa allo stesso tempo, questa attrezzatura ti permette di controllare il flusso d’acqua e di indirizzare la parte della pianta da innaffiare. Ecco due modelli che si distinguono dalla massa.

Emsa 508671 è un annaffiatoio di grande capacità. Può contenere 5 litri d’acqua e rende l’irrigazione più facile e veloce. MyLifeUNIT GD16L232 è un modello progettato per l’irrigazione interna ed è ideale per le giovani piante.




Annaffiatoio : la nostra selezione

Guida all’acquisto

Il tipo

In questa guida all’acquisto dei migliori annaffiatoi, ti diciamo che ci sono diversi tipi di prodotti sul mercato. Il primo, quello che troverai più spesso, è l’annaffiatoio da giardino. Con una grande capacità, di solito è fatto di plastica o di acciaio galvanizzato. A seconda del produttore, può essere dotato di un irrigatore classico o a foro fine.

La scelta dipenderà dall’uso che ne vuoi fare. C’è anche l’annaffiatoio da balcone o terrazza. La sua caratteristica principale è la sua piccola capacità. È particolarmente adatto per le tue piccole aree di piantagione. Per alcune famiglie con piante da interno, sarebbe conveniente utilizzare gli annaffiatoi dedicati. Se stai cercando consigli su come fare la scelta giusta, considera che il modello migliore è quello che soddisfa le tue aspettative e necessità.

Per esigenze più specifiche, ci sono anche annaffiatoi sul mercato che sono tipicamente destinati ai giardinieri con piante bonsai. Questo tipo di pianta richiede un flusso d’acqua più preciso. Non tutti gli annaffiatoi lo faranno.

Il materiale

Lo scopo di tutti gli annaffiatoi è lo stesso: innaffiare una pianta o un’area di coltivazione permettendo all’utente di controllare l’esatta quantità di acqua che riceve. Tuttavia, è necessario concentrarsi su alcuni punti che differenziano alcuni modelli da altri.

E se guardi un confronto dei prezzi, vedrai subito che non tutti gli annaffiatoi sono della stessa qualità. Questo è dovuto principalmente al materiale utilizzato nella loro fabbricazione. Per molte marche, la plastica è il materiale più comune, dato che ha molte qualità. Ci sono anche modelli in acciaio, ma questi stanno diventando sempre più rari. L’aspetto decorativo è fornito da prodotti in ottone.

Capacità e testata d’irrigazione

Una volta che hai scoperto dove comprare un nuovo annaffiatoio, è il momento di pensare alla capacità esatta di cui avrai bisogno. Da 1 litro a più di 10 litri, i modelli sul mercato ti daranno un’ampia scelta. Sfortunatamente, più grande è la scelta, più difficile è decidere.

Per essere sicuro di fare la scelta giusta, basa la tua scelta sul numero di piante che hai bisogno di annaffiare simultaneamente all’interno o all’esterno. La testina dell’irrigatore è anche molto importante quando usi il tuo annaffiatoio. Essendo il collegamento tra l’acqua di questa attrezzatura e la pianta, quelli con piccoli fori ti permettono di innaffiare le tue piante senza affogarle nell’acqua.

I modelli con questo tipo di testina offrono quindi un’irrigazione più mirata.

Come si usa un annaffiatoio?

L’annaffiatoio è l’accessorio di giardinaggio essenziale per prendersi cura delle proprie piante. La maggior parte delle famiglie che hanno uno spazio verde ne sono dotate. Tuttavia, questa attrezzatura non viene utilizzata in alcun modo.

Ci sono tecniche da adottare per aiutarti a padroneggiare la sua gestione. Ecco alcuni consigli su come ottenere il massimo da questo strumento.

Considera la capacità

Quando usi il tuo annaffiatoio, considera prima la sua capacità. Queste informazioni sono essenziali per un uso ottimale. Considerando questa caratteristica, saprai in anticipo quanti giri farai per innaffiare completamente il tuo giardino.

Fuente: https://unsplash.com/photos/tldUB7ietp4

Fuente: https://unsplash.com/photos/tldUB7ietp4

Prendi un annaffiatoio da serra

Se hai solo un piccolo spazio verde, non preoccuparti di un grande accessorio. Perderai un sacco di tempo e ti stancherai molto velocemente. Invece, opta per un annaffiatoio da serra e combinalo con un lungo tubo.

Quest’ultimo è molto utile per assicurare un’irrigazione precisa. Usa questa attrezzatura per le scatole delle finestre e le piante in vaso.

Scegli il tipo di irrigazione

A seconda dell’effetto che stai cercando, scegli gli accessori che metti sul beccuccio in base al risultato desiderato. Se vuoi avere un grande flusso, spruzza direttamente dal beccuccio. Questa tecnica è migliore per le piante che non hanno paura dei grandi getti d’acqua, come gli arbusti.

Altrimenti, opta per gli annaffiatoi per un flusso simile alla pioggia. Questo tipo di accessorio ti permette di controllare meglio il flusso con le griglie integrate. Basta scegliere il diametro del foro che si adatta alle tue esigenze.

Adotta le posture giuste

Innaffiare le tue piante può richiedere molto tempo, specialmente se hai un grande giardino. Non è tutto, perché puoi stancarti molto velocemente. Per rimediare a questa situazione, assicurati di mantenere una postura corretta.

Questo può sembrare inutile, ma puoi vedere una grande differenza. Evita di piegarti troppo in avanti in modo che la schiena non ti faccia male dopo ogni sessione di irrigazione.

Mantenere l’annaffiatoio

Se vuoi migliorare la longevità del tuo annaffiatoio, prenditene cura. Per fare questo, considera prima il materiale di fabbricazione. Per un modello in plastica, ricordati di pulirlo regolarmente dopo ogni utilizzo per mantenerlo in buone condizioni. Tuttavia, non utilizzare prodotti corrosivi che potrebbero danneggiarlo più rapidamente.

Se il tuo annaffiatoio è fatto di metallo, dovrai fare attenzione quando lo usi. Quando hai finito di usarlo, scola tutta l’acqua che è rimasta all’interno per evitare la formazione di ruggine.

Osservare le istruzioni per la conservazione

Quando non usi il tuo annaffiatoio, evita di lasciarlo in giro, perché questo ridurrà inevitabilmente la sua durata di vita. Prendi l’abitudine di conservarlo in un luogo fresco come il tuo garage.

Assicurati che non ci sia più acqua all’interno per assicurarti che sia conservato nelle migliori condizioni possibili. Fai molta attenzione agli annaffiatoi in metallo, poiché sono particolarmente suscettibili alla ruggine, che li danneggia molto rapidamente.

(Fonte dell’immagine: David Ballew: P7saq8j11pM / unsplash.com)

Perché puoi fidarti di me?

Recensioni